Zoom

Zoom

Nel mondo delle macchine fotografiche digitali il mito dei megapixel è duro a morire.
Mi ricorda un po’ chi si vanta del suo suv gigante (tralascio il mio giudizio al riguardo).
Ultimamente nel web si assiste alla sfida di chi riesce a generare l’immagine più grande.
Non un’unica foto ma l’unione di molti scatti. Nei casi più professionali la fotocamera è installata su un cavalletto dotato di testa motorizzata e gestita da un software che le permette di catturare immagine dopo immagine una grande superficie o un panorama.
Il tutto è poi assemblato da Photoshop.
In certi casi è una cosa fine a se stessa, un “atto di forza”.
In altri è un mezzo utilissimo e molto suggestivo come dimostra il sito
http://www.haltadefinizione.com/.
Ieri ho trovato questo

un video esplicativo, mentre qui un tour guidato.
Si tratta di un’immagine realizzata dall’unione di 2947 scatti e dal peso di 283 GB che ti fa credere di essere al centro della bellissima biblioteca del monastero Strahov di Praga.
Lo zoom non è mai stato più piacevole!
The following two tabs change content below.