LEICA

LEICA

Leitz Camera.
LEICA.

Per gli appassionati di fotografia questo nome fa quasi un po’ paura.
Nelle officine ottiche di Wetzlar dove dal 1849 si sviluppavano microscopi, Oskar Barnack aveva un chiodo fisso: costruire una macchina fotografica compatta.
Il primo passo era quello di rimpicciolire il formato del negativo e ci riuscì nei primi anni del ‘900 con l’introduzione di uno standard internazionale che è usato ancora oggi nelle reflex: il 35mm (24x36mm).
La prima macchina ad utilizzarlo era la “Ur-Leica” costruita nel 1914.

Da allora LEICA è stata protagonista non solo della fotografia ma della storia. Le dimensioni compatte, la praticità delle ottiche intercambiabili e il mirino a telemetro permettevano di portarsi la fotocamera ovunque e sempre. Divenne la migliore e inseparabile amica di tutti i fotoreporter.

Robert Capa, 1936 – Magnum
 
Ieri ho letto la notizia che LEICA ha prodotto una fotocamera digitale con sensore in bianco e nero.
Sembra anacronistico. Insensato. Perché costruire un sensore in bianco e nero quando si può fare una conversione con un click in qualsiasi programma di post produzione o semplicemente stampando in BN una foto a colori?
Il motivo c’è ed è un po’ tecnico.
La Leica M Monochrom, questo il nome scelto per la M9 con sensore BN, ha una risoluzione di 18MB e la nitidezza delle immagini è di gran lunga superiore ai tradizionali CCD a colori.
Il merito va proprio al fatto che il sensore non registra i colori ma solo la luminanza cioè la quantità di luce che entra dall’obiettivo eliminando quindi gli algoritmi di demosaicizzazione.
Altro beneficio che ne deriva è la gamma dinamica che è molto estesa e permette di registrare file RAW a 16 bit.
Spendendo “solo” 7950,00 US $ vi portate a casa questo gioiellino e anche il software “Silver Efex Pro 2” che permette di ricreare le caratteristiche di oltre 20 tipi di negativi da ISO 32 a 3200.
Qui sotto una breve carrellata delle prime immagini realizzate con la M Monochrom e per saperne di più andate sul sito Leica e su dpreview
The following two tabs change content below.