Conosci il tuo nemico: l’analisi dei competitor

Conosci il tuo nemico: l’analisi dei competitor

Continua il mio percorso verso la creazione di una strategia digitale per professionisti e piccole imprese.

La guida parlerà dei vari passaggi da fare per iniziare a costruire una strategia di web marketing.

Più o meno i capitoli saranno questi:

Nell’articolo precedente, ho cercato di darvi degli spunti per iniziare ad analizzare la vostra situazione lavorativa attuale.
L’obiettivo dell’articolo di oggi è quello di continuare l’analisi, guardando però il mercato intorno a noi, quindi i nostri concorrenti. Faremo quindi un’analisi dei nostri competitor.
Se la settimana scorsa ci siamo chiesti: “A quale punto della mia vita lavorativa mi trovo?” Questa volta dobbiamo scoprire dove sono i nostri concorrenti.
I più preparati di voi penseranno di sapere tutto quello che c’è da sapere del proprio mercato di riferimento.
Però anche in questo caso lo scopo è analizzare nel dettaglio i numeri e soprattutto la percezione dei clienti.

CHI SONO I TUOI COMPETITOR?

Sono sicura che quando senti questa domanda, hai almeno un paio di nomi in testa.
Quando hai verificato l’ultima volta? Il mercato oggi va veloce ed è possibile che dall’ultima volta che hai controllato ci sia qualche nome in più. Sicuramente questo dipende anche dal tuo settore.

Nel campo della grafica nascono nuove realtà ad un ritmo veramente rapido. Si tratta spesso di cambi di nome o di società, ma è utile tenere una traccia di tutti questi cambiamenti.

Se lavori come noi in una piccola realtà, è probabile che tu conosca i tuoi competitors per nome e che magari ti ritrovi con loro a bere l’aperitivo.
Lo scopo di questa guida è creare una strategia di marketing digitale.
Ho voluto ricordarlo per farti presente che l’approccio che dovrai avere in questa analisi dei competitor dovrà essere per la maggior parte in ambito digitale.

ANALISI DEI COMPETITOR IN PRATICA

Mettiti nei panni di un tuo potenziale cliente che ha bisogno di un tuo servizio.

Prima di tutto prova a pensare a quali parole dovrebbe digitare per trovare quello che cerca online.
Mettiti davanti al computer e fai esattamente quel tipo di ricerca.

Segna ogni frase di ricerca che ti viene in mente e scriviti i risultati della ricerca.

Qualche risultato sorprendente?
Se per la maggior parte hai avuto conferme o i conosci i nomi che sono apparsi nei risultati di ricerca, vuol dire che sai abbastanza bene chi sono i tuoi concorrenti.

Ora non ti resta che approfondire la ricerca. Puoi decidere tu quanto scendere nel dettaglio.
Internet ci dà al giorno d’oggi moltissime opportunità in questo senso.
Potresti trovare il tuo concorrente su Linkedin e scoprire nel dettaglio il suo percorso di studi.
Allo stesso modo puoi monitorare i suoi dipendenti.

Inizia questa ricerca partendo dal sito internet aziendale.
Come hai fatto con la tua analisi aziendale, rispondi a quelle domande per fare un’analisi dei tuoi competitor:

  • In che anno ha aperto la sua attività?
  • Quanti dipendenti ha?
  • Quanti/Quali clienti ha?
  • Come viene percepito dalla gente? Cosa si dice di lui?
  • Ha un sito internet? È aggiornato?
  • Ha uno o più canali social? Quanti post scrive? Quanti follower ha in ogni canale?

Potresti inserire tutti questi dati in un foglio excel o in una tabella, per avere una visione più chiara della situazione.
Sarebbe interessante analizzare questi dati nel tempo, capire cosa sarà cambiato e se la tua strategia avrà fruttato dei buoni risultati.

Quando prendi in considerazione i tuoi competitor, dovresti concentrarti solo su 2/3 al massimo 4 nomi.
Inutile monitorare tutto il tuo mercato. Cerca quelle aziende che sono vicine alla tua realtà per dimensione, pre posizione o per tipologia di servizi/prodotti.

Questa parte di analisi aziendale della concorrenza è strettamente legata alla tua analisi aziendale e in qualche modo la completa.
Spesso ci rendiamo conto dei nostri punti di forza o delle nostre mancanze, solo mettendoci a confronto con altre realtà.
Potresti accorgerti che nel tuo mercato di riferimento manca un servizio per il quale potenzialmente ci sarebbe una buona offerta. Sarebbe la tua occasione per distinguerti e trovare la chiave per il tuo business.

IL TUO FARO

Per rendere davvero completa la tua analisi dovresti includere nella tua analisi un paio di competitor che non sono esattamente al tuo livello. Lo so, solo poche righe fa ho detto di concentrarsi su 2/3 concorrenti con caratteristiche simili alle tue.
A questo punto voglio dirti di aggiungerne ancora 1 o al massimo 2.
Dovranno essere i tuoi punti di riferimento, il tuo obiettivo da raggiungere.
Non devono essere necessariamente più grandi di te. Potrebbero essere piccole aziende o professionisti, anche lontani dalla tua zona di azione, qualcuno che ti piace davvero per il suo modo di lavorare. Qualcuno che magari si distingue per un offerta particolare o per una filosofia aziendale davvero innovativa.
Non aver paura di sentirti inferiore. Un modello da seguire è una cosa positiva, soprattutto se ci rende migliori.

Hai individuato il tuo faro? Ora procedi come per gli atri concorrenti. Visita il sito e i social. Cerca di ottenere quante più informazioni possibili su di lui e ovviamente, segna tutti i dati raccolti.

CHE ME NE FACCIO DEI DATI RACCOLTI?

I dati raccolti sono il tuo tesoro.
Saranno il punto di partenza per definire i tuoi obiettivi.

Hai visto che un tuo concorrente a parità di rapporto qualità/prezzo, vende molto più di te. Hai notato che lui ha un ottimo commerciale. Ecco il tuo obiettivo: investire in un commerciale che porti reali risultati alla tua attività.
Un tuo competitor vende prodotti di qualità medio/bassa, eppure tutti parlano bene dei suoi prodotti. Sarà forse il caso di investire in pubblicità come ha fatto lui?
Il tuo concorrente più vicino offre un servizio di ottima qualità? Non ti scoraggiare, segui dei corsi per aumentare il tuo livello, diventa anche tu un ottimo professionista.

Alla fine dovrai ringraziarlo per averti reso un professionista migliore.

APPROFONDIMENTI

Come sempre, online si trovano moltissime informazioni su ogni argomento. Il web marketing non è certamente da meno.
Ci sono molti strumenti per fare un’analisi molto più approfondita riguardo le strategie digitali di un’azienda. Analizzare la strategia SEO, le parole chiave, il page ranking.
Sinceramente preferisco in questa fase restare sul generico.
Credo che volendo, avrai molti spunti su cui lavorare. Impara a conoscere te stesso e i tuoi competitor, il resto verrà da sé.

The following two tabs change content below.
La mia formazione e la mia esperienza lavorativa sono state sempre nell’ambito della progettazione grafica finalizzata alla stampa. Già da anni però il mio interesse si è rivolto al mondo del web. Ora gestisco i progetti web all’interno dello studio, dalla progettazione del sito alla sua realizzazione. Sono una vorace lettrice di libri, articoli, blog, manuali inerenti il web marketing. Non mi piace fare i loghi.

Ultimi post di Laura Presotto (vedi tutti)